Interferenza con lo sfondo

Home » Leggibilità del testo » I fattori che condizionano la leggibilità » Interferenza con lo sfondo

Esempio di sfondo nel monitor di uno sportello Bancomat.Con gli odierni metodi di composizione tipografica, sovrapporre del testo ad un’immagine è un’operazione estremamente semplice e alla portata di tutti. L’uso maldestro di questa tecnica crea però molto spesso diversi problemi di leggibilità, in alcuni casi anche gravi, tali cioè da costituire una vera barriera per il lettore con minorazioni visive.
In generale, uno sfondo non uniforme ostacola la percezione del testo grafico, creando interferenze che rendono più difficoltosa la lettura. L’entità del problema deriva da vari fattori. È certamente determinante la qualità dell’immagine di sfondo: se appare sostanzialmente uniforme nei toni e nei colori il disturbo sarà minore rispetto ad un’immagine ricca di contrasti. Analogamente un’immagine con un soggetto principale che attira l’attenzione e lo sguardo, ad esempio un ritratto, creerà un’interferenza maggiore di un’immagine a struttura diffusa, senza poli privilegiati. Infine il disagio percettivo è maggiore quando le dimensioni dei caratteri del testo sono simili a quelle degli elementi strutturali dell’immagine di sfondo o di alcuni dettagli significativi.

Esempi di display di macchina fotografica digitaleQuando si sovrappone del testo ad un’immagine sono frequenti anche i problemi di leggibilità derivanti da un insufficiente contrasto. Lo sfondo, infatti, non può essere uniforme per cui si hanno molte combinazioni di contrasto con il colore del testo ed è difficile che tutte siano davvero accettabili. Il problema di leggibilità diventa evidente, e si trasforma spesso in vera barriera, quando vengono sovrapposti ad un’immagine di sfondo testi piuttosto lunghi oppure quando si sommano altri fattori che creano difficoltà di lettura come l’uso di caratteri di dimensioni eccessivamente piccole e di colore inadeguato.

Pubblicazioni divulgative con immagini poste sotto il testo.