Le presentazioni in PowerPoint: nell'ultima fila siamo tutti un po' ipovedenti

Home » Leggibilità del testo » I fattori che condizionano la leggibilità » Contrasto » - Le presentazioni in PowerPoint: nell'ultima fila siamo tutti un po' ipovedenti

Scheda

Presentazione in PowerPoint.Una conferenza o una relazione arricchita da chiare diapositive di commento è certamente più efficace di una basata solo sulla comunicazione verbale.
È però assai frequente imbattersi in relatori che proiettano in sala schermate di difficile lettura, con testi piccoli e troppo lunghi, poco contrastati, inutilmente elaborati e confusi.
Per fortuna le diapositive hanno spesso un ruolo solo accessorio e la relazione parlata sarà, si spera, lo stesso chiara e interessante, ma è certamente faticoso per chi ascolta dover sforzare la vista per capire cosa è scritto sullo schermo.
Le diapositive sono quasi sempre realizzate autonomamente dal relatore che, si presume, sarà un esperto nell’argomento che andrà a trattare, ma non necessariamente di grafica e leggibilità.
Il problema principale sta spesso nel fatto che le immagini che egli vede nel proprio computer mentre prepara la presentazione sono sempre molto più chiare, nitide e luminose di quelle che verranno poi proiettate in sala conferenze. Le combinazioni di colore che egli assegna al testo gli sembreranno in quel momento più che adeguate ma, purtroppo, in sala l’effetto sarà molto diverso, soprattutto per gli spettatori più lontani.

Diapositiva dal programma PowerPoint.Nel caso di PowerPoint non aiutano purtroppo neppure i modelli predisposti, forniti da Microsoft per consentire a tutti di realizzare facilmente prodotti di qualità. Sono modelli ricchi di effetti speciali e decisamente scadenti dal punto di vista della leggibilità. Largamente preferibili sono gli schemi con struttura molto semplice, caratteri chiari e molto, molto contrastati.
In ogni caso anche con diapositive di ottima qualità il relatore si deve ricordare che può esserci qualcuno tra il pubblico che non riesce a vederle perché gravemente ipovedente o cieco assoluto; le diapositive vanno quindi sempre lette o descritte a voce, nel caso di grafici, immagini, vignette o altro.

Diapositiva dal programma PowerPoint.